Frittelle con uvetta,
frisceu di San Giuseppe

Frittelle con uvetta

Le frittelle con uvetta sono un classico italiano e, a Genova, sono uno dei frisceu (frittelle) tipici per la festa di San Giuseppe, oltre che nel periodo di Carnevale! San Giuseppe, rappresentato spesso con un bastone fiorito e noto soprattutto come falegname, sembra che sia stato per un periodo frittellaro dopo la fuga in Egitto. Nel periodo di Quaresima i dolci e i grassi animali, come lo strutto con cui erano fritti, erano rigorosamente banditi, ma nella giornata dedicata al Santo, appunto per il suo trascorso, era concessa questa deroga che rallegrava le case e le strade!

A San Gioxeppe, se ti peu, impi a poela de friscieu!

  A san Giuseppe, se puoi, riempi la padella di frittelle!

Fino a fine Ottocento, nel centro storico di Genova e nelle delegazioni, i falegnami ripulivano i loro banchi dagli attrezzi e dai trucioli del legno e offrivano frittelle, spesso frisceu co’ zebìbbo (frittelle con l’uvetta), ad amici e passanti: c’era un trucco, o una burla, però! Una frittella conteneva all’interno dell’ovatta: tutti stavano aspettare a chi sarebbe toccata, perchè il malcapitato avrebbe dovuto pagare pegno, ovvero offrire da bere a tutti gli altri!

Frittelle con uvetta ingredienti tra trucioli

 

Ricetta Frittelle con uvetta

Ingredienti

  • Farina, 250 grammi
  • Zucchero semolato, 50 grammi
  • Tuorlo, uno
  • Marsala, 40 grammi
  • Uvetta sultanina, 100 grammi
  • Latte, 100 grammi
  • Acqua, 80 grammi
  • Lievito di birra, metà cubetto (12,5 grammi)
  • Olio per friggere, arachidi o olio di oliva
  • Zucchero per le frittelle
Procedimento Frittelle con uvetta
Mischiare il latte con l’acqua e intiepidire.
Sciogliervi dentro il lievito di birra.
In una ciotola capiente, sbattere il tuorlo con lo zucchero e il vino marsala.
Aggiungere la farina e impastare mescolando con il liquido miscelato.
Unire l’uvetta: io preferisco non metterla in ammollo perchè, cuocendo, si ammorbidisce senza disfarsi.
Coprire bene il contenitore e fare lievitare per circa due ore in luogo tiepido.
In una padella profonda, fare scaldare a temperatura media l’olio.
Quando l’olio sarà caldo, versare la pastella a cucchiaiate aiutandosi con un cucchiaino per formare delle palline.
Far dorare da entrambi i lati e asciugare con carta assorbente.
Secondo il proprio gusto, spolverare di zucchero a velo o rotolare le frittelle con uvetta nello zucchero semolato.
Le Frittelle con uvetta sono le preferite di Carlo, mentre le mie rimangono sempre quelle alle pere e cioccolato…ma io sono più golosa! 
Frittelle con uvetta Pastella in lievitazione

I Friscêu
   Le Frittelle

Sòn lì in ta poela a frizze ‘sti friscêu,
   Sono lì in padella a friggere queste frittelle,
e gallezzan che pan tanti gossetti,
   e galleggiano che sembrano tanti piccoli gozzi,  
e piggian ò sêu cô còmme se vêu,
   e prendono il loro colore come si vuole,
e s’inscian còmme tanti pollastretti; 
   e si gonfiano come tanti pollastrelli;
ghe n’è de meì, d’ûghetta, de pignêu, 
   ce ne sono di mele, d’uvetta, di pinoli
e d’erbe retaggiae còmme fremetti, 
   e di erbe ritagliate come nastrini,
e a tutti quanti, zòveni e figgiêu, 
   e a tutti, giovani e fanciulli,
ghe piaxan còmme fössan di öxelletti. 
   piacciono come fossero degli uccelletti.
Se sòn ben brustulii e ben levae, 
   se sono ben cotte e ben lievitate,
sòn sciocchi sciocchi e légi e appetitosi 
   sono soffici soffici e leggeri e appetitosi
e in te quattro e quatt’êutto ve i sbaffae;
   e in quattro e quattr’otto ve li sbafate; 
ma bezêugna che l’éuio ò segge bòn, 
   ma bisogna che l’olio sia buono,
e se sòn cädi ciù ve pan gûstosi, 
   e se sono calde vi sembrano più gustose,
còmme a fainâ, i bacilli e ò menestròn. 
   come la farinata, i bacilli (legumi simili alle fave) e il minestrone.
                                            Filippo Angelo Castello (1867-1941)
 

Frittelle con uvetta e trucioli di legno con attrezzi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>