Torta soffice alle pesche, Ricetta senza burro

Torta soffice alle pesche

La torta soffice alle pesche è un’ispirazione (riuscita) nata, come dire, per riparazione. Curiosando tra i miei profili social, anzi, soprattutto sul mio profilo instagram, dove tutte le foto ti appaiono in maniera netta, ho visto che avevo pubblicato una crostatina a colazione a metà marzo, non dovuta ad alcuna ricetta in particolare, e la ricetta dei  fior di bugie a febbraio.  […] Continua a leggere

Insalata di verdure cotte con lonza

Insalata di verdure cotte con lonza e ciotolina verdure

Insalata di verdure cotte con lonza che, con l’assaggio di poi, sarebbe senza invece di con… ma oramai avevo fatto le foto e cosa potevo fare? Non che non ci stia!! Non sono poi una grande amante delle verdurine cotte: fanno bene, sono d’accordo, ma le devo un po’ .. “aggiustare”, renderle più appetitose; […] Continua a leggere

Focaccia al pesto, una ricetta 3styles

Focaccia al pesto 3styles le tre presentazioni

Focaccia al pesto, una ricetta 3styles: una new entry nazionalpopolare preparata oggi per la Festa della Repubblica, perchè, cosa c’è di più popolare della focaccia e del pesto? … e non solo in Liguria, vero? In effetti, ci sarebbe voluto il tricolore, ma ci sono gli abbinamenti per ottenerlo, come scritto in calce! Non che sia solo per oggi, sia chiaro …

[…] Continua a leggere

BBQ RIBS AL FORNO: DAL TEXAS ALL’ ITALIA

BBQ Ribs al forno dal Texas all' Italia presentazione

BBQ ribs al forno: le costine di maiale tanto amate non solo dagli americani … Qualche anno fa cercavo una ricetta per cuocere le costine e mi sono chiesta: chi meglio degli americani sa cuocere la carne al barbeque? Trovo una ricetta di Laurel Evans, del blog “Un’americana in cucina”, pura texana e che pure vive in Italia … è fatta!
Leggendo la sua ricetta, scopro che vive in Italia e che, massimo dei massimi, le cuoce nel forno! E’ mia!!!Ricordo che, appena letta la ricetta, ho pensato e pure detto (della serie, tacere no??): […] Continua a leggere

SALSA BARBECUE HOMEMADE

Salsa barbecue homemade in ciotola bianca su telo a scacchi

La salsa barbecue homemade è non solo un accompagnamento indispensabile per le BBQ Ribs, le costine di maiale americane, ma anche per le nostre classiche grigliate di salsiccia, coppa di maiale e così via.
Per me è irrinunciabile con il maiale, a cui si abbina benissimo il gusto agrodolce. […] Continua a leggere

PARCO AVETO: IL LAGO DI GIACOPIANE

Parco Aveto il Lago di Giacopiane

Nel Parco Aveto si trova il lago di Giacopiane o, meglio, il complesso dei laghi, in quanto è formato da due invasi artificiali, il Giacopiane e il Pian Sapeio, dal nome della piana, in una bella cornice di interesse paesaggistico, ai margini del Parco dell’ Aveto. 

A NordEst si nota una macchia di conifere piantate per il rimboschimento, soprattutto pini silvestri, neri e larici, mentre le faggete colorano di rosso e di giallo le rocce dell’ appennino ligure emiliano durante l’autunno. 
Attività praticate sono la pesca, soprattutto di trote, carpe e tinche e la ricerca di funghi.

Parco Aveto il Lago di Giacopiane vista lago
La vista del lago

Zona di caccia nell’ epoca preistorica, durante gli scavi per la costruzione degli invasi artificiali sono stati rinvenuti reperti risalenti al periodo Mesolitico (9000-6000 a.c.), conservati nel Museo Archeologico di Chiavari.

E’ possibile percorrere diversi sentieri, tra i quali interessano il lago:

  • Parco Aveto il Lago di Giacopiane Anello delle Moglie
    Anello delle Moglie

    l’ anello delle Moglie. Si attraversano delle piccole zone umide, dal latino mollus, molle, umido, che si sono formate circa 10.000 anni fa nell’ ultima glaciazione: offrono una interessante flora e fauna.

  • AVML (Alta Via dei Monti Liguri, che attraversa longitudinalmente tutta la Liguria). La si raggiunge alla Cappella delle Lame (A7) o al Passo Prè de Lame (segnavia rombo rosso). 

Altri sentieri raggiungono i:

  • Monti Bragaceto (h. 0.30), che lo sovrasta,
  • Monte Aiona (h. 3.00)
  • Monte Bertogaro (h.1.30)

A Prato Mollo, a poche centinaia di metri dal Rifugio Aiona,  vi è un imponente blocco di peridotite, tra i più belli dell’ appennino, chiamata la Pietra Borghese (Pria Burghéisa).
La sua conformazione attira molti fulmini e risuona come fosse colpita da un martello.  E’ inoltre molto ricca di magnetite, facendo “impazzire” l’ ago della bussola, deviandolo anche di 180°.  E’ un tipo di roccia che è affiorata dall’ antico Oceano Ligure Piemontese e la datazione radiometrica la fa risalire a 2 miliardi di anni fa, una tra le più antiche d’ Italia.
La sua particolarità ha alimentato la leggenda secondo la quale il masso sarebbe un meteorite al cui interno brucia un fuoco eterno, mentre un’ altra che al suo interno vi sarebbe una caverna in cui vive un enorme serpente!

L’anello del Lago di Giacopiane è un percorso adatto a tutti, pianeggiante, piacevole per i bambini che possono raggiungere l’ acqua del lago e giocarvi, con molti punti di ombra per ripararsi nelle ore più calde. Ha una lunghezza di circa 4 km. e si percorre in 1 ora.
E’ presente una zona attrezzata per il picnic, mentre non è consentito accendere fuochi, tranne che dove indicato: devo dire che erano accesi molti barbecue sparsi lungo l’ anello, in una giornata ventosa e con notevole siccità …

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Salici
I salici sulla riva del lago

Il lago di Giacopiane diminuisce la sua portata d’ acqua nei periodi di minori piogge: sulla riva si notano i salici con le radici aeree cresciute nel periodo di piena. All’ ombra di uno di questi abbiamo gustato le zucchine ripiene vegetariane alla ligure!

Salendo su piccoli altipiani, è possibile vedere il Mar Ligure e, nelle belle giornate terse di tramontana, si riesce a scorgere la Corsica (non noi, sigh). 

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Vista del mare
La vista mare dal lago

Altra particolarità di questo posto un po’ magico sono i suiseki, dal giapponese sui (acqua) e seki (pietra): sono piccole pietre modellate nel corso dei millenni dall’ erosione dell’ acqua, del ghiaccio e del vento. Il collezionismo di queste poetiche opere d’ arte nacque in Cina 2000 anni fa e fu ripresa dai giapponesi, che le dispongono su basi di legno, di sabbia e di acqua.
Rocce particolarmente adatte a questa trasformazione sono i Palombini, di cui i laghi sono ricchi: di colore grigio-nero, affiorano dall’ acqua spesso con la caratteristica forma a incudine.

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Suiseki
Suiseki lungo il percorso

 Altro tratto caratteristico e particolarmente attraente sono gli animali. Noi abbiamo incontrato mandrie di placide mucche, allo stato brado, che se ne stavano tranquille, malgrado la nostra presenza, sulla riva del lago a prendersi il fresco. 

Parco Aveto il Lago di Giacopiane mucche
Le mucche del Lago

Di grande fascino sono soprattutto i cavalli selvaggi del Parco Aveto. Si tratta di una quarantina di cavalli di razza bardigiana, eredi di una quindicina di cavalli rimasti incustoditi per la morte del proprietario: i nati da una decina d’ anni in poi non hanno mai avuto rapporti con l’ uomo. 
Sono assimilabili, per comportamento, ai Mustang delle praterie americane e ai cavalli Przewalski: questi, come i tarpan, furono gli unici a non essere mai addomesticati. 
Qui il calendario delle escursioni per il 2017.

Parco Aveto il Lago di Giacopiane diga
La diga
Parco Aveto il Lago di Giacopiane Tempietto
Il Tempietto in stile liberty

Le dighe

I due laghi artificiali sono stati creati tra il 1920 e il 1926:

  • il Lago di Giacopiane, di circa m.1500xm.500, ha una capacità di quasi 5.000.000 m³. 
    Ha due dighe, una settentrionale costruita per sicurezza nei periodi di piena e non percorribile. Quella meridionale ha al centro un tempietto in stile liberty, con la funzione di osservatorio e di cappella.
  • il Lago di Pian Sapeio, di circa m. 350 x m. 150, ha una capacità di 200.000 m³.

Le due dighe hanno un dislivello di circa 40 metri.

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Lago Sapeio
Il lago Pian Sapeio

 

Come raggiungere i laghi

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Cartina Laghi
Cartina Parco Aveto, Laghi di Giacopiane

Da Chiavari o Lavagna, nella provincia di Genova, entrambe con casello dell’ autostrada A12, si percorre la Val Fontanabuona che costeggia il fiume Entella, SP225. Si imbocca il bivio per la Val D’ Aveto e, passata Borzonasca, dopo diverse curve e tornanti, si raggiunge la chiesa di S. Rocco di Campori.
Poco oltre si imbocca la deviazione a destra e si sale per un bosco fitto con tratti anche ripidi: raggiunto Gazzolo, piccolo centro abitato, si prosegue fino ai pressi del lago, dove termina il percorso transitabile con l’ auto. 

Acquisto pass

A Borzonasca, nei bar, tutti i giorni secondo l’ orario di apertura, presentando un documento di identità e la targa del veicolo. Salvo variazioni, il costo è di € 5,00 a vettura, vale un giorno: ogni giorno aggiuntivo costa € 1. Occorre esporre il permesso.

Percorso:

  • un anello di circa 4 km, dal terreno pianeggiante che si percorre in circa 1 ora;

  • adatto ai bambini;

  • zona attrezzata per picnic e barbecue;

  • fa parte degli itinerari in MTB della provincia di Genova.

Parco Aveto il Lago di Giacopiane Panorama lago
Panorama del lago

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Questo slideshow richiede JavaScript.

COLOMBA RUSSA DI PASQUA

Colomba russa di Pasqua con fettine di uova e peonia

Colomba russa, ovvero: stanchi della solita insalata russa? Noi in effetti un po’ sì … per carità, sempre buona e, tutto sommato, non sarebbe un vero pranzo senza, solo che volevo cambiare un po’. 
Nulla a che vedere con una ricetta dalla Russia, è una colomba salata ripiena: una proposta diversa come antipasto, in occasione della Pasqua, ottima anche come piatto freddo per la gita di Pasquetta!
Ecco come farla! […] Continua a leggere

Pasticcio rustico di pollo

Pasticcio rustico di pollo Fetta su piatto di portata con intorno decorazione di ortensie

Il Pasticcio rustico di pollo ci porta nelle campagne inglesi: pranzo domenicale, i parenti seduti intorno al tavolo, il camino scoppiettante, giacche di Harris Tweed per gli well-to-do …
Le pies, ovvero i pasticci, originariamente erano localizzate soprattutto nelle campagne;  venivano infatti usati gli animali di cortile e il nome variava a seconda degli ingredienti principali: carne di manzo, di maiale, agnello, pollo o pesce. Il tutto veniva mescolato a verdure, […] Continua a leggere

Arrosto al latte

Arrosto al latte Dettaglio fette su piatto con foglie di salvia

Questo arrosto l’ ho imparato da mia suocera Alfonsina, e me ne sono innamorata. Semplice e gustoso, ha il pregio di rimanere morbidissimo.  Molti utilizzano la lonza, ma io preferisco la sottopaletta (anche questo è stato un consiglio della mamma di Carlo): una carne
dai molteplici utilizzi che,  grazie alla riga di gelatina nel mezzo, ha  una tenerezza unica. Più indicato, in questo caso, l’ utilizzo del vitello, ma anche il manzo va benissimo. E’ il classico arrosto […] Continua a leggere

I Ravioli Genovesi

Ravioli genovesi conditi con il tocco

La regina delle Minestre”: così Giovanni Casaccia, nel suo Dizionario genovese-italiano del 1876, definì i Ravioli genovesi, uno dei simboli della cucina ligure e, soprattutto, genovese. La prima traccia storica si ha nel 1182, in un documento scritto in cui vengono citati da un contadino savonese (ma della storia parlerò in un altro articolo) … Definiti familiarmente anche “zembi” o “zembetti” […] Continua a leggere

TOCCO DETTO TUCCU

Tocco o tuccu, il sugo di carne genovese

Il tocco detto tuccu, il sugo di carne genovese, è la ricetta che più rappresenta lo spirito natalizio. Parlo di quello spirito vero, fatto di essenzialità, di amore e di cura discreta, senza vistosità, appariscenza e fretta … è fatto di piccoli gesti, semplici e concreti, senza assilli, ma con quell’ attenzione apparentemente distratta che è amore per i commensali. […] Continua a leggere

CANESTRELLI GENOVESI

Canestrelli genovesi merenda con caffè e libro

Quando devo regalare dei dolci, preparo quasi sempre i canestrelli genovesi: sono dei dolcetti molto amati in Liguria e in Piemonte, adatti a tutte le occasioni e semplici da realizzare. Da parecchi anni  sono diventati i dolcetti di Natale, da regalare ad amici e parenti, a volte insieme ad altri biscotti e, ultimamente, da soli. […] Continua a leggere

ZUPPA INGLESE MONOPORZIONE

Zuppa inglese monoporzione e foglie di acero

La zuppa inglese è il mio mito, fin da quando ero bambina: tra tutti i dolci fatti in casa … pochini a dire il vero … c’ erano la torta di compleanno di nonna Assunta e la zuppa inglese. Nulla di elaborato, per carità: i miei dolci, al confronto, sono una delle massime creazioni della haute pâtisserie francese, il che è tutto dire! Il dolce della domenica era […] Continua a leggere

FOCACCIA DOLCE, UNA MERENDA SEMPLICE

Focaccia dolce a fette su tavolaccio e vecchio tegame a fianco

Focaccia dolce…Figassa duçe

La Focaccia dolce sa di casolare di campagna, di stufa accesa e di cose semplici. Non è un dolce elaborato: nasce nell’ entroterra genovese come versione “dolce” del pane. Preparata nel periodo natalizio, inizialmente era una focaccia con lo zucchero. Nel tempo si è arricchita dei pochi prodotti presenti nelle case: […] Continua a leggere

HUMMUS AI POMODORI SECCHI

Hummus ai pomodori secchi, primo piano di una ciotola
L’ origine dell’ hummus è antichissima: la prima traccia scritta risale a un ricettario egiziano del XIII secolo, “Kitāb al-Wusla ilā l-habīb fī wasf al-tayyibāt wa-l-tīb” secondo il quale era preparato con ceci frullati, limoni in salamoia, aceto ed erbe aromatiche. E’ certo però che sia nato […] Continua a leggere

ZUPPA DI CECI O CECI IN ZIMINO

Zuppa di ceci in pentola di terracotta

Zuppa di ceci o Ceci in zimino – “Suppa de çeixei” o “Zemin de çeixei”

La Zuppa di ceci è un piatto tradizionale del 2 novembre, giorno della commemorazione dei defunti; ci può essere anche una temperatura da Sahara,  ma non ci sono dubbi: si mangia la zuppa di ceci. Giornata “di magro”, dopo il pranzo dei Santi, si rimettono le cose a posto con questa magnifica zuppa, in assoluto la mia preferita. […] Continua a leggere

PERE MARTINE BRULE’

Pere martine brulè sul tavolo in un piattino e pera naturale

Ed eccoci al secondo appuntamento per San Martino con le Pere Martine brulé! Pronti a stappare la bottiglia di vino novello, come da tradizione? Per restare nel tema di santi e di vino, le pere martine al vino rosso, un classico di questa stagione, sono una ricetta gustosa rivisitata, perfetta in queste sere autunnali. […] Continua a leggere

PANE AI FIOCCHI D’ AVENA

Pane a fette e pagnotta su tavolaccio rustico
Questo è un pane veramente saporito e anche rapido,. Devo aggiungere che ha superato la prova Carlo (che già è un bel traguardo): per carità! non che sia tra i suoi preferiti ma.. un “mh” rapido indica una certa approvazione, neanche di basso grado! Ovviamente più si allunga la emme, […] Continua a leggere

TOPINAMBUR ALLA SENAPE

Topinambur alla senape su piatto di portata con aberelli di ceramica come decorazione

Anche per i Topinambur alla senape è sicuramente vero che spesso le idee per le ricette vengono in base alla dispensa, ma è anche vero che nascono in relazione a quello che si vuole mangiare. Mi spiego. Ho comprato i topinambur e ho pensato di accompagnarli all’ arrosto invece delle classiche patate. Domenica però, prima di tornare a Firenze, […] Continua a leggere

TORTA DI MELE SETTEMBRINA

Fetta di torta di mele settembrina con torta, scatola e vassoio antichi

Lo so, avete ragione e sono pienamente d’ accordo: le mele fanno bene, sono buone, tolgono il medico di torno (e ditemi se è poco!), si usano in tantissime ricette, sono ingrediente principe della torta di mele (private gli americani, e il resto del mondo, io compresa, dell’ Apple Pie!) però … ecco, c’è un però: […] Continua a leggere

LONZA AL TIMO E BIRRA CON KUMQUAT AL MIELE

Lonza al timo e birra Arrosto impiattato

Anche per la Lonza al timo e birra con kumquat al miele, come forse ho già detto, le mie ricette spesso nascono da quello che “offre il convento” … devo dire anche che io preparo questa ricetta in luglio quando tutti la preparano a dicembre, quando i kumquat sono in commercio, diventando un bel secondo per le feste natalizie! Ieri ho acquistato una lonza di maiale e in giardino l’ alberello di kumquat è esploso di arancione, quindi … cosa c’è di meglio di questo abbinamento? D’ altra parte agrumi e maiale vanno alla grande, giusto? […] Continua a leggere

PLUMCAKE ALLE CILIEGIE

Fette di plumcake alle ciliegie disposte su vassoio con decorazione di rose e ciliegie

Il plumcake alle ciliegie è il perfetto riciclo delle ciliegie, dopo averne mangiate a chili, ovviamente, cosa che a me riesce splendidamente!! Nella mia famiglia di origine, nonni compresi, così come in quella di Carlo, non ci sono tradizioni particolari nei dolci, a parte i dolci di zio Paolo, come ad es. il clafoutis: l’ eccezione era il pandolce di Natale preparato in casa e portato a cuocere nel forno del paese! Nonno Filippo limitava il suo estro al salato, […] Continua a leggere

FOCACCIA CON LA SALVIA, IL SAPORE DEI MIEI RICORDI

Focaccia con la salvia Fette in tegame e contenitore
Ieri mattina, mentre impastavo la focaccia con la salvia (di cui ho già parlato nella ricetta della focaccia rustica con la salvia) da accompagnare all’ Asado, pensavo a quale ricetta mi potesse rappresentare al meglio per un contest: ripercorrendo tutta la mia vita legata al cibo, posso sicuramente individuare […] Continua a leggere